Servizi Segreti Intelligence

Agenti segreti,notizie sul mondo dell'informazione,dell'intelligence,dello spionaggio,della politica internazionale e sicurezza nazionale.

La guerra corre sul Pc. Perché gli attacchi cibernetici sono una vera forza militare.

Martedì, 14 giugno 2011 • Categoria: Intelligence

Schiacci un bottone e paralizzi una nazione. È la cyberwar, una guerra invisibile che viene combattuta ogni giorno. In un mondo interamente computerizzato, in cui le macchine e i loro automatismi guidano strutture nevralgiche per la nostra vita come le centrali nucleari, le fabbriche di armi, i centri logistici e quelli di distribuzione delle informazioni. Un attacco informatico può portare una nazione al collasso.

LA PARALISI. Lo scenario è ben presente nei piani alti della sicurezza americana. «Viviamo in un mondo in cui la guerra informatica è ormai reale e può minacciare le nostre reti e il nostro sistema finanziario», ha ammesso il direttore della CIA Leon Panetta in un'intervista alla Abc. Lo ha dimostrato la recente violazione degli account Gmail di funzionari del governo americano, politici asiatici, attivisti cinesi, militari e giornalisti. Gli hacker hanno rubato le password delle caselle di posta elettronica e copiato tutti i documenti presenti. Una quantità di informazioni inestimabile. Secondo gli Usa, l'origine dell'operazione è la Cina, e più precisamente Jinan, sede di una accademia per hacker governativi.
La prossima mossa della Casa Bianca sarà considerare un hacker alla stregua di un terrorista. «Se ci causate un blackout nazionale, noi vi rispondiamo con i missili», è l'annuncio alla Rambo arrivato direttamente dal Pentagono.

IL MONDO SENZA RETE. Neutralizzare internet, per esempio, bloccherebbe la pubblica amministrazione, le linee aeree e le ferrovie non potrebbero emettere biglietti né controllare i propri veicoli, la Borsa sarebbe incapace di portare avanti transazioni.
Una guerra del genere può provocare più vittime di una bomba nucleare. Basta immaginare il blocco a distanza dei macchinari di un ospedale, o la chiusura delle porte di un centro commerciale e togliendo l'aerazione un sabato pomeriggio, o ancora di fermare la rete della metropolitana. Per fare tutto ciò basta togliere la luce per tutto il tempo necessario a far scaricare gli impianti d'emergenza.


Continua leggere su IoSpio.org

4265 hits


0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

0 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. Nessun commento

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.