Servizi Segreti Intelligence

Agenti segreti,notizie sul mondo dell'informazione,dell'intelligence,dello spionaggio,della politica internazionale e sicurezza nazionale.

Servizi Segreti: “rischio nuova guerra”

Domenica, 13 gennaio 2013 • Categoria: Servizi Segreti
La vecchie colonie. La Francia di Hollande è in guerra in Mali. Parigi è entrata in azione con raid aerei a supporto delle forze governative contro i fondamentalisti islamici affiliati ad al Qaida che da mesi occupano il nord. Il governo di Bamako ha proclamato lo stato di emergenza, le truppe governative hanno rioccupato Konne, caduta solo ieri in mano ai ribelli, e il presidente a interim, Diacounda Traoré, in serata rivolto alla nazione ha promesso che i ribelli riceveranno una risposta militare “sferzante e massiccia”. “La nostra missione in Mali non è finita e continuerà nei prossimi giorni”, ha detto il presidente francese. Hollande, ha annunciato di aver disposto il “rafforzamento delle misure antiterrorismo del piano Vigipirate” in Francia. Un pilota francese è rimasto ucciso nell’operazione militare in Mali.

Continua a leggere "Servizi Segreti: “rischio nuova guerra”"

1663 hits


Guerra in Libia, cresce la paura di ritorsioni contro l’Italia

Domenica, 20 marzo 2011 • Categoria: Attualità
Da un lato gli attacchi militari scagliati in queste ore dalle forze della “coalizione dei volenterosi” che sembrano riuscire nell’intento di accerchiare Muammar Gheddafi e le sue truppe fino a costringerli alla resa.  Dall’altro, una pesante incognita che si fa pesante come un macigno: l’incertezza sull’effettiva potenza militare che il Raìs è in grado di dispiegare contro le nazioni accusate di avergli “voltato le spalle“.

Il presidente Silvio Berlusconi e diversi analisti hanno assicurato che i missili libici non hanno una gittata tale da permettere un attacco contro l’Italia. Ma a queste rassicurazioni si contrappongono molti quesiti legittimati dal fatto che, dopo la revoca dell’embargo, il regime del Colonnello ha stretto accordi economici con diversi Stati occidentali, anche nell’ambito degli armamenti bellici. Così, se non esiste la possibilità di valutare il potenziale militare di Tripoli, non si esclude la preoccupante ipotesi che Gheddafi possa sferrare attacchi contro Lampedusa, Linosa o addirittura Pantelleria.

Lasciano riflettere, del resto, le parole espresse dal Raìs nel proclama di ieri, quando ha annunciato ritorsioni contro Francia, Gran Bretagna e quel Paese, l’Italia, al quale in prima battuta era stato prontamente minacciato di restare fuori dall’operazione Alba dell’Odissea.

Continua a leggere su IoSpio

Continua a leggere "Guerra in Libia, cresce la paura di ritorsioni contro l’Italia"

1346 hits


Guerra in Libia, che deve fare l’Italia?

Sabato, 19 marzo 2011 • Categoria: Attualità
Ormai è ovvio: avremo la guerra in Libia, cioè alla porta di casa. Una guerra che coinvolgerà, a diverso livello di impegno, più nazioni.

L’Italia prima “rispetta” il colonnello, poi si allinea alle posizioni europee. Ora – secondo me – rischia di strafare. Mentre la Francia spara i primi colpi contro quattro veicoli militari, Gasparri dichiara che l’Italia farà la sua parte ma l’Onu si deve accollare il problema dei profughi, che non può essere solo italiano.

Come non concordare? Mi chiedo solo come farà l’Onu a organizzarsi in tempi brevi, se altre nazioni non offrono spazi. L’Onu è un macchinone pesante da spostare, molto burocratico, e ovviamente non ha un suo territorio. I campi profughi dovrebbero essere ospitati da altre nazioni. Ma i vari paesi amici europei non sembrano molto propensi. E tirare su dei campi profughi alle porte della Libia… dove? Il paese confina con la Tunisia, l’Algeria, il Niger e il Ciad, il Sudan e l’Egitto. Tutti stati con molti problemucci e qualche buona guerra, o qualche rivolta. Situazioni instabili e potenzialmente pronte a scoppiare.

Inoltre, prima che girino gli ingranaggi dell’Onu in Italia ci saranno decine di migliaia di profughi dalla Libia. I quali, sia chiaro, al momento pare che siano soprattutto giovani di buona cultura che cercano condizioni di vita migliori. Perché i combattenti stanno lì e, appunto, combattono. Ancora le persecuzioni non sono iniziate perché Gheddafi non ha vinto. Ancora.

Va bene, l’Italia ha dato gli spazi arei. Ma secondo voi che deve fare? Partecipare attivamente o no? E perché sì – o perché no?

Secondo me, opinione personalissima ovviamente, meglio di no. Più conveniente. Offriamo spazi aerei, offriamo rifugio, offriamo le basi. Ma andare a partecipare ad altre azioni – forse perdenti – alle porte di casa, beh, proprio no. L’Afghanistan è lontano, la guerra lì è una guerra persa ma è lì. Ma la Libia sta qui, difronte a noi. Proprio alle porte di casa.

Continua a leggere "Guerra in Libia, che deve fare l’Italia?"

1665 hits