Servizi Segreti Intelligence

Agenti segreti,notizie sul mondo dell'informazione,dell'intelligence,dello spionaggio,della politica internazionale e sicurezza nazionale.

Spionaggio in Renault: ogni segreto valeva 50.000 €

Mercoledì, 26 gennaio 2011 • Categoria: Spionaggio

Il patto era semplice: ricevere per quattro mesi informazioni sullo sviluppo dell'auto elettrica in Renault e in cambio ricompensare "le fonti" con 50.000 euro a "segreto", che venivano depositati su conti svizzeri e del Liechtenstein tramite intermediari di Shanghai, Hong Kong e Malta.

E' questo il meccanismo alla base del complesso gioco di corruzione che il quotidiano francese Le Figaro ha ricostruito in un articolo in cui si spiega, citanto fonti riservate, che dietro al caso di spionaggio in Renault c'era un misteriorso intermediario straniero (il giornale dice cinese) che subappaltava le informazioni ricevute in maniera del tutto illegale da fonti interne all'azienda ad altri intermediari anonimi che a loro volta le rivendevano sul mercato nero dello spionaggio industriale. Una vicenda complicata su cui stanno indagando sia le forze dell'ordine francesi che la stessa azienda tramite un'inchiesta interna.

Rilevatori di microspie

Continua a leggere "Spionaggio in Renault: ogni segreto valeva 50.000 €"

1670 hits


Lo spionaggio diventa consumer

Giovedì, 20 gennaio 2011 • Categoria: Spionaggio

Il nostro obiettivo è costruire un mondo più personalizzabile possibile e migliore per le persone». È questa la strada verso la costruzione del benessere globale, imperituro e per tutti, cioè democratico. Tutto inizia negli Stati Uniti, un Paese che il diritto alla felicità l’ha inserito nella Costituzione. Auren Hoffman, ceo e fondatore insieme a Manish Shah di Rapleaf - il sito che tanto fa discutere l’America e quasi nulla l’Italia -, immagina un mondo a “immagine e somiglianza” dell’uomo. Un mondo nel quale ogni singola persona possa trovare sempre e comunque, in ogni ambito, ciò che vuole. Senza nemmeno cercarlo. Infatti: cos’è più utile a questa causa di un’offerta di consumo totalmente personalizzata?

Questa è la pretesa di Rapleaf, una start-up nata nel 2006 a San Francisco con lo scopo di creare database differenziati per segmenti di clienti, così da offrire profili con informazioni ricavate dalla rete ad agenzie di marketing. Il funzionamento è semplice: una società pubblicitaria, oppure un politico a caccia di consensi, bussano alla porta di Rapleaf per chiedere una lista di persone a cui rivolgersi con determinate caratteristiche di sesso, età, abitudini, credenze, situazione familiare, reddito e quant’altro. Un target selezionato e fatto su misura, come un vestito cucito dal sarto. Rapleaf risponde offrendo il meglio di quanto è reperibile sul web. Così un bel giorno capita che Mrs Twombly, con idee politiche conservatrici, si ritrovi subissata di messaggi elettorali provenienti proprio da candidati del Partito Repubblicano. Ma chi gliel’ha detto ai politici in cerca di voti quali siano le preferenze della signora Twombly?

Software Spiare PC

Continua a leggere "Lo spionaggio diventa consumer"

961 hits


Chi vede il Mossad persino dietro gli animali-spia

Mercoledì, 19 gennaio 2011 • Categoria: Spionaggio

L'ultimo arruolato è un avvoltoio, e ce lo garantisce la stampa saudita. Il Mossad lo ha spedito nei cieli del regno per fare la spia, prova ne è (quale controspionaggio fantastico hanno da quelle parti) che il volatile porta un braccialetto con scritto "Tel Aviv University".Di recente il Mossad ha arruolato parecchi animali: c'è lo squalo che davanti alla costa del Sinai azzanna solo i turisti non israeliani. Mica è scemo a mordere i suoi. Serve a rovinare il turismo e quindi l'economia egiziana. Ci sono i topi che invadono a Gerusalemme est le case degli arabi e solo quelle: le abitazioni degli ebrei godono di derattizzazione preventiva.

C'è poco da ridere: le teorie della cospirazione sono puro incitamento all'omicidio e devastano la mente araba riempiendola di cretinate, lo spiega anche Fouad Adjami, studioso libanese eminente. Diffuse senza sosta da tv e giornali sostenute da imam e politici, ecco le ultime imprese del Mossad :la strage dei Copti ad Alessandria e in Irak per sollevare i cristiani contro il mondo islamico; il lavoro della Corte Internazionale che individua negli hezbollah i colpevoli dell'assassinio del presidente Rafik Hariri nel 2005, per sovvertire il Libano; la divisione del Sudan, per togliere al mondo islamico il predominio dell'Africa; gli scontri in Yemen; le persecuzioni dei palestinesi in Irak; un progetto di Israele di distruggere la Moschea di Al Aqsa e costruire un Terzo Tempio sulle sue rovine.

Microtelecamere Audio

Continua a leggere "Chi vede il Mossad persino dietro gli animali-spia"

1794 hits


L'Iran: "Distrutta rete di spie del Mossad"

Domenica, 16 gennaio 2011 • Categoria: Spionaggio

L'Iran ha arrestato un «network di spie» legate al Mossad, il servizio di intelligence israeliano, che sarebbe coinvolto nell'uccisione di uno scienziato nucleare iraniano avvenuta un anno fa. Lo ha annunciato la televisione iraniana senza aggiungere molti particolari a quello che è stato definito un annuncio del ministero dell'interno di Teheran.


L'OMICIDIO DELLO SCIENZIATO - «La rete di spie e terroristi collegati al Mossad - ha detto lo speaker leggendo un comunicato ufficiale - è stato distrutto. Il network era implicato nell'assassinio di Masoud Ali-Mohammadi». Mohammadi, scienziato operante in ambito universitario, era stato ucciso da una bomba in un attentato avvenuto nella Capitale il 12 gennaio del 2010. Non sono state ancora diramate conferme o smentite da parte del governo di Gerusalemme.

Gps per pedinamenti

Continua a leggere "L'Iran: "Distrutta rete di spie del Mossad""

1753 hits


Perché la Cia sta spiando i cambiamenti climatici

Venerdì, 14 gennaio 2011 • Categoria: Spionaggio

McClatchy News ha pubblicato un'interessante indagine del Medill's National Security Reporting Project che rivela quanto la Cia sia interessata al global warming come problema di sicurezza nazionale ed internazionale degli Usa e come questo sia contrastato da un Partito repubblicano sempre più ideologizzato e ostaggio del negazionismo ascientifico. Un interesse riemerso con forza nell'estate 2010, quando uno degli obiettivi più sensibili per la Cia, il Pakistan, è stato sommerso da alluvioni biblici. Un analista ed ex capo del Center on climate change and national security della Cia ha spiegato a Charles Mead ed  Annie Snider, due giornalisti del  Medill's National Security Reporting Project che «Il peggior disastro naturale nella storia del Pakistan è stato un avvertimento. Sono esattamente gli stessi sintomi che vedremo per i futuri eventi dei cambiamenti climatici e che ci aspettiamo di vedere di più.

Volevamo sapere: quali sono le condizioni che portano ad una situazione come l'alluvione del Pakistan Quali sono le cose importanti per i flussi dell'acqua, la sicurezza alimentare ... la radicalizzazione, le malattie? E per gli sfollati?». La Cia, analizzando il disastro del Pakistan, ha scoperto che ha terremotato gli elementi chiave della già fragile stabilità dello Stato (in queste ore è in corso ad Islamabad una crisi di governo che sembra senza vie di uscita) e che le certezze che aveva sulla portata dei fiumi e sulle rese agricole stanno inesorabilmente cambiando. Anche un rapporto governativo dice che l'amministrazione Usa è mal preparata per agire sui cambiamenti climatici che stanno per arrivare più rapidamente del previsto e minacciano di portare instabilità in luoghi dove sono in ballo gli interessi nazionali degli Stati Uniti. Da 20 anni a questa parte decine di funzionari ed esperti dicono che le proiezioni climatiche mancano di dettagli ed informazioni essenziali su come le popolazioni reagiscono ai cambiamenti, ad esempio con l'emigrazione. Anche i militari, tanto amati dai repubblicani, dicono che non hanno l'intelligence necessaria per prepararsi a quello che potrebbe accadere.

Microtelecamere a colori

Continua a leggere "Perché la Cia sta spiando i cambiamenti climatici"

1530 hits


Spiare Twitter negli USA infrange le leggi europee sulla privacy?

Venerdì, 14 gennaio 2011 • Categoria: Spionaggio

L'Alleanza dei Liberali e Democratici per l'Europa (ALDE) ha posto ieri un'interrogazione alla Commissione Europea, chiedendo che gli Stati Uniti diano chiarimenti in merito ad indagini che hanno acquisito dettagli sugli account degli utenti.

I membri dell'ALDE, che è il terzo gruppo per dimensioni nel Parlamento Europeo, vogliono sapere perché gli investigatori Usa hanno chiesto queste informazioni quando non erano ancora state nemmeno raccolte delle prove in merito al fatto che fosse stato commesso un crimine.

"La mancanza di un atto illegale accertato e di un'inchiesta giudiziaria negli Stati Uniti, gettano un'ombra sul processo di negazione della privacy dei cittadini in nome della sicurezza nazionale attraverso indagini segrete" ha detto un membro dell'ALDE, Renate Weber.

Microspie Audio

Continua a leggere "Spiare Twitter negli USA infrange le leggi europee sulla privacy?"

1914 hits


Arabia Saudita, catturato un avvoltoio spia

Lunedì, 10 gennaio 2011 • Categoria: Spionaggio

Un avvoltoio che volteggiava nel rurale territorio saudita è stato avvistato e catturato dai servizi di sicurezza locali.

L'uccello dalle grandi dimensioni portava con sé un dispositivo GPS e un anello intorno alla zampa con sopra riportante il codice di identificazione dell'università di Tel Aviv. L'avvoltoio, facente parte di un progetto di ricerca universitaria sui modelli di migrazione, era stato smarrito dai ricercatori nei giorni scorsi, secondo un rapporto del quotidiano israeliano Mà ariv.

Residenti locali e giornalisti preoccupati dai marchingegni che il volatile trasportava con sé hanno subito pensato che si trattasse di un "complotto sionista", che l'avvoltoio altro non fosse che una spia del Mossad inviato da Israele per raccogliere informazioni sul Paese.

Mini Localizzatore Gps

Continua a leggere "Arabia Saudita, catturato un avvoltoio spia"

1987 hits


Spionaggio in Renault, licenziati top manager

Venerdì, 7 gennaio 2011 • Categoria: Spionaggio

Tre top manager licenziati. Una guerra economica tra case automobilistiche. Segreti aziendali sulle auto elettriche che filtrano. Ci sono tutti gli elementi per un film di spionaggio nello scandalo che sta facendo tremare da ieri il colosso automobilistico francese Renault.


Dopo la sospensione dei tre dirigenti sospettati di spionaggio industriale, la vicenda si e' trasformata anche in affare di Stato, con l'intervento del ministro dell'Industria, Eric Besson, che, sottolineando la ''gravita''' del caso, non ha esitato ad affermare: ''l'espressione guerra economica in questo caso e' appropriata''. Renault ed i suoi 54.000 dipendenti sono sotto shock. ''Sembra di vivere in un incubo'', ha detto a Le Figaro un funzionario della casa automobilistica. La posta in gioco e' alta. Secondo indiscrezioni, la fuga di notizie riguarderebbe infatti il programma di veicolo elettrico, al momento il piu' importante del marchio francese. Renault, il cui 15% e' ancora detenuto dallo Stato, e il suo partner giapponese Nissan hanno gia' investito 4 miliardi di euro nel progetto. Renault lancera' sul mercato a meta' anno due modelli in versione elettrica, la berlina familiare Fluence e il furgone Kangoo Express. Quindi sara' la volta della piccola Twizy e della miniberlina Zoe, entrambe elettriche.

Software per Spiare PC

Continua a leggere "Spionaggio in Renault, licenziati top manager"

1763 hits


Iran. Arrestata statunitense: “Spia con microfono tra i denti”.

Venerdì, 7 gennaio 2011 • Categoria: Spionaggio

Hall Talayan, una 55enne statunitense (nella foto tratta dal sito iraniano nasim-news.ir) è stata arrestata una settimana fa in Iran perchè sospettata di essere una spia. La notizia è stata riportata da un quotidiano governativo di Teheran.

La donna era stata fermata mentre tentava di entrare in Iran a piedi, passando dal confine con l’Armenia, senza essere in possesso di un regolare permesso.Secondo il giornale, le forze di sicurezza iraniane le avrebbero trovato addosso diversi “congegni spionistici”, tra cui un microfono nascosto tra i denti.

Microspie su Spiare.com

Continua a leggere "Iran. Arrestata statunitense: “Spia con microfono tra i denti”."

1665 hits


Usa e Germania sviluppano in segreto satelliti spia

Martedì, 4 gennaio 2011 • Categoria: Spionaggio

Gli Stati Uniti e la Germania stanno sviluppando congiuntamente e segretamente nuovi satelliti spia nonostante la viva opposizione della Francia: è quanto emerge da documenti diplomatici riservati ottenuti da Wikileaks e pubblicati oggi dal quotidiano norvegese Aftenposten. Il progetto, battezzato HiROS, vedrebbe la costruzione di un numero indeterminato di satelliti spia ad alta risoluzione, capaci di distinguere oggetti di 50 centimetri, di inviare le loro immagini sulla terra molto più rapidamente dei satelliti attuali e anche di scattare fotografie infrarosse con il buio. Ufficialmente destinato a scopi civili - il 70% della capacità dei satelliti dovrebbe essere venduto ad attori privati -, il programma sarebbe in realtà "sotto il controllo completo" dei servizi segreti tedeschi (BND) e dell'agenzia spaziale tedesca (DLR).

Microspie su Spiare.com

Continua a leggere "Usa e Germania sviluppano in segreto satelliti spia"

1794 hits


Wojtyla spiato, anche il cardinale Casaroli trovò una microspia in una statua

Giovedì, 30 dicembre 2010 • Categoria: Spionaggio

Giovanni Paolo II, a quanto ricordano all'Adnkronos autorevoli fonti vaticane, non fu il solo a essere spiato e controllato. Il cardinale Agostino Casaroli, segretario di Stato Vaticano dal 1979 al 1990, durante il pontificato di Wojtyla, sembra fosse intercettato dal Kgb per tutti gli anni ottanta. Casaroli, raccontano le stesse fonti, aveva nella sala da pranzo del suo appartamento una piccola statua della Madonna di Fatima. Una mattina, una suora in servizio nell'appartamento, urtò la statua che cadde a terra e rivelò la presenza di una microspia.Nel 1990 il Cesis, l'allora comitato di coordinamento tra i nostri servizi, avvisò con un appunto il presidente del Consiglio Andreotti dell'esistenza di un piano che prevedeva, tra l'altro, anche un'attività di 'ascolto' tramite microspie, collocate nell'abitazione del Segretario di Stato vaticano, da parte di una cittadina cecoslovacca, Irina Trollerova, sposata con un nipote dell'alto prelato. L'appunto del Cesis è riportato nella sentenza ordinanza del giudice Rosario Priore sull'attentato al Papa del maggio del 1981.

Continua a leggere "Wojtyla spiato, anche il cardinale Casaroli trovò una microspia in una statua"

1538 hits


La guerra segreta del Supersismi

Mercoledì, 22 dicembre 2010 • Categoria: Spionaggio

“Servizi segreti deviati”. L’espressione fa parte ormai del repertorio con cui Elio e le storie tese raccontano - con più intelligenza dei sociologi e dei politici, e con più ironia - l’Italia e i suoi luoghi comuni. Eppure, eccoci ancora qua. Eccoci ancora ai “servizi segreti deviati”. La parola magica, “deviazione”, la pronuncia il 9 luglio uno che se ne intende, Luciano Violante. Nel 1974 li ha incontrati sulla sua strada, i “servizi segreti deviati”, quando era magistrato e indagava sul golpe bianco di Edgardo Sogno e sui sogni neri di quella parte del Paese che, in nome della guerra contro il comunismo, aveva messo in conto di non curarsi troppo della legge, dei diritti dei cittadini e delle regole della democrazia.

Era la stagione delle stragi, dei colpi di Stato progettati e minacciati, dei depistaggi. Allora l’indagine gli fu strappata, come succedeva quasi sempre, e finì insabbiata. Oggi tira tutta un’altra aria. È caduto quel muro, là a Berlino, più forte perfino della maledizione che teneva lontana l’Italia dalla Coppa del mondo. E i servizi segreti italiani, cambiato il nome per l’ennesima volta, sono democratici e godono della fiducia di uomini di destra e di sinistra, perfino di estrema sinistra.

Continua a leggere "La guerra segreta del Supersismi"

2256 hits


Finta roccia nasconde una telecamera. Continua la "spy war" Israele-Hezbollah

Martedì, 21 dicembre 2010 • Categoria: Spionaggio

Una roccia di colore grigio. Era incastonata su un’altura che guarda la valle libanese della Bekaa. Ma non era quello che sembrava: all’interno di un guscio in fibra di vetro, modellato come una roccia, c’era un sofisticato apparato di spionaggio. I guerriglieri filo-iraniani dell’Hezbollah hanno annunciato di averlo scoperto pochi giorni fa e ne hanno segnalato la presenza all’esercito libanese. Il sistema sarebbe stato in grado di monitorare una zona usata dai miliziani per il training e un’importante rotta seguita dai camion che portano armi dalla Siria all’Hezbollah. Nelle vicinanze è stato poi individuato un secondo apparato. Conteneva una videocamera, poteva trasmettere immagini, ricevere segnali e disponeva di un laser per “illuminare” bersagli.


GUERRA DI SPIE - La notizia della scoperta è solo l’ultimo episodio nella guerra di spie che si combatte in Libano. Da mesi l’Hezbollah e le autorità locali annunciano arresti di «talpe» al servizio di Israele. Alcune sono fondate, altre invece appaiono strumentali. I guerriglieri filo-iraniani vogliono dimostrare che il Libano è infiltrato dal Mossad, così come gli apparati di comunicazione. A cominciare dai telefoni. Una denuncia legata alla possibile incriminazione da parte del tribunale internazionale di alcuni dirigenti del movimento sciita.

Continua a leggere "Finta roccia nasconde una telecamera. Continua la "spy war" Israele-Hezbollah"

1671 hits


Bulgaria: ministro si dimette, era una ex spia comunista

Lunedì, 20 dicembre 2010 • Categoria: Spionaggio

Il ministro senza portafoglio con delega per i bulgari all’estero, Bozhidar Dimitrov, ha presentato le dimissioni a causa del suo passato di agente dei servizi segreti dell’epoca del comunismo. Il fatto era risaputo anche prima della sua nomina ma il premier Boyko Borissov non se ne era curato al momento della formazione del suo governo. ”Mi dispiace molto per lui, è un rinomato storico e grande amico, ma i principi contano più di tutto”, ha detto ieri sera Borissov accettando le dimissioni. Il premier si è visto costretto a fare questo passo dopo che la settimana scorsa è scoppiato lo scandalo dei diplomatici rivelatisi ex spie del regime totalitario e che hanno guidato o guidano ancora circa il 45% delle 114 missioni bulgare all’estero. Borissov aveva chiesto il loro immediato ritiro ma i media gli hanno subito rinfacciato il caso Dimitrov. Le dimissioni di Dimitrov, secondo il quale nel suo dossier ”non c’è nulla di amorale” di cui vergognarsi, dovrebbero essere accolte dal Parlamento prima di Natale.

Continua a leggere "Bulgaria: ministro si dimette, era una ex spia comunista"

2159 hits


Usa spiavano infrastrutture, anche in Italia

Martedì, 7 dicembre 2010 • Categoria: Spionaggio

Centinaia di infrastrutture chiave ''vitali'' per l'economia e la sicurezza di ''ogni Paese'' del mondo ''spiate'' dall'intelligence Usa attraverso le proprie ambasciate. L'ultima 'bomba' di Julian Assange e' fragorosa, e ha scatenato le durissime reazioni di Roma, ''azione criminale'', Washington, ''pubblicazione irresponsabile'' ora ''azioni significative'' e Londra, ''un danno alla sicurezza nazionale''. Online sono finite ''infrastrutture chiave considerate dal governo statunitense di importanza critica per l'America'', ha scritto Wikileaks pubblicando il documento.''Un'azione criminale e sconsiderata'', ha tuonato il ministro degli Esteri, Franco Frattini: rivelare i nomi di aziende ''sensibili per la sicurezza dell'Italia'' e' stata la ''piu' grave delle uscite'', ''un favore al terrorismo''. ''Vi sono forti motivi per mantenere tali informazioni classificate'', ha invece detto il portavoce del Dipartimento di Stato P.J. Crowley definendo ''irresponsabile'' il comportamento di Assange, mentre il ministro della Giustizia Eric Holder ha annunciato ''azioni significative'' contro la fuga di notizie.

Continua a leggere "Usa spiavano infrastrutture, anche in Italia"

2096 hits