Servizi Segreti Intelligence

Agenti segreti,notizie sul mondo dell'informazione,dell'intelligence,dello spionaggio,della politica internazionale e sicurezza nazionale.

Hacker su Facebook e Twitter: come difendersi dai virus sui social network

Domenica, 3 aprile 2011 • Categoria: Sorveglianza informatica
A volte Internet può rivelarsi piena di insidie. Non è difficile, per esempio, finire nel mirino di un hacker e ritrovarsi pieni di virus su Facebook e Twitter. Tempo fa, lo stesso sito di Twitter è stato oscurato da hacker iraniani, che hanno dirottato Twitter.com verso un altro dominio in cui si potevano leggere minacciose scritte in arabo. Siti istituzionali a parte, anche la gente comune, come me, come voi, può essere vittima di un attacco informatico. E’ capitato anche a Mark Zuckerberg: il suo profilo Facebook è stato hackerato da un pirata informatico, bisogna quindi essere pronti ad affrontare la situazione, imparare a riconoscere i segnali e intervenire.

Può accadere che i vostri contatti di Facebook e Twitter vengano brutalmente sommersi da messaggi spam contenenti false offerte per ottenere un iPad gratuito, o da fasulli link per applicazioni gratuite, tutti provenienti dal vostro profilo. Oppure può capitare che scopriate dei post sulla vostra bacheca che non avete mai scritto, riportanti link a siti, applicazioni o coupon. Potreste anche scoprire messaggi personali spediti ad amici che non sapevate di aver inviato, magari contenenti richieste di denaro. Nella peggiore delle ipotesi potreste non riuscire a effettuare l’accesso ai vostri account. Tutti questi casi sono, evidentemente, la spia di qualcosa che non va come dovrebbe andare, è necessario sapere quali sono i virus che girano su Facebook e come potersi difendere.



Rilevatori di microspie

Continua a leggere "Hacker su Facebook e Twitter: come difendersi dai virus sui social network"

5334 hits


Genitori, spiate i vostri figli

Giovedì, 17 febbraio 2011 • Categoria: Internet Sicurezza

Internet è un universo tanto affascinante quanto pericoloso, soprattutto per i più giovani. Un ruolo fondamentale è quello interpretato dai genitori, i primi a dover controllare le attività dei propri e, in alcuni casi, ricorrere a strategie mirate a spiare qualsiasi operazione eseguita in rete. L’invito a monitorare l’accesso ad Internet dei propri figli arriva da James Batelli, direttore del corpo di polizia di Mahwah, negli USA, che durante un seminario spiega come e perché procedere.

Al centro delle attenzioni vi sono sicuramente i social network, canale di comunicazione che in alcuni casi può rivelarsi una forte minaccia per gli ingenui adolescenti in cerca di amicizie sul web. Le pagine di cronaca non difettano di articoli riguardanti giovani che, pensando di avere a che fare con un proprio coetaneo, sono poi finiti nella trappola di adulti. Per controllare quanto svolto dai più piccoli è possibile ad esempio ottenere la password dei rispettivi account Facebook, tramite un software presentato dalla polizia nel corso di tale seminario.

Acquista Spiare PC

Continua a leggere "Genitori, spiate i vostri figli"

1780 hits


Il Policlinico Gemelli di Roma lancia l'allarme dipendenza da Facebook.

Giovedì, 27 gennaio 2011 • Categoria: Attualità

Facebook o non Facebook? Questo è il problema, per lo meno quello dei tempi attuali.Da quando il social network più famoso del mondo è entrato nelle nostre vite, è stata sancita per molti adolescenti la fine delle relazioni sociali, quelle vere, quelle di un tempo lontane dalle perverse logiche del tag.Ci si parla attraverso la chat, ci si vede attraverso la webcam, ci si saluta attraverso Skipe e si spiano le vite virtuali altrui, in particolare quelle dei propri partner o dei propri figli.La dipendenza virtuale è un fenomeno sempre più chiaro tanto che adesso a preoccupare sono i dati del Centro per le psicopatologie da web del Policlinico Gemelli di Roma.

Più di 170 sono i pazienti che si rivolti al Centro diretto dallo psichiatra Federico Tonioni.Le vittime principali sono gli adolescenti dipendenti da Facebook, gli over trentenni prede del gioco d'azzardo on line o della pornografia in rete e le coppie messe sempre di più a dura prova dalla "seconda" vita virtuale.«Aggressività e depressione sono i primi sintomi di astinenza da pc che vediamo nei nostri pazienti – ha spiegato il Dottore Tonioli - mentre il principale segno di intossicazione è la dissociazione». «Quando si chatta – ha proseguito Tonioli - si curiosa nei profili degli amici, si gioca o si guardano i porno senza essere concentrati come quando si lavora al pc, ma piuttosto si è assorti. È come in un sogno a occhi aperti, siamo lievemente dissociati. Il punto è che questo straniamento non dura qualche minuto, ma va avanti per un tempo indeterminato: si può stare così davanti allo schermo per ore e ore, e questo non è più fisiologico».

Software Spiare PC


Continua a leggere "Il Policlinico Gemelli di Roma lancia l'allarme dipendenza da Facebook."

1945 hits


Privacy: Facebook di nuovo sotto accusa. Conserva la rubrica degli utenti iPhone

Venerdì, 21 gennaio 2011 • Categoria: Sorveglianza informatica

Un nuovo allarme sui pericoli per la privacy su Facebook è stato lanciato dalla società specializzata in sicurezza Fortinet, secondo cui il sito recupera e colleziona sui suoi server i numeri della rubrica telefonica degli utenti che utilizzano l'applicazione iPhone per sincronizzare i contatti. Una volta attivata, l'applicazione invece di scaricare tutti i contatti Facebook, cosa che andrebbe contro le politiche sulla privacy della società, effettua il percorso inverso, carica cioè i contatti dell'iPhone sui server del social network e poi effettua la sincronizzazione.Tutti i numeri presenti nella rubrica di chi usa l'applicazione finiscono quindi in mano alla società, che conta su un bacino di oltre 100 milioni di persone che regolarmente si collegano al profilo Facebook dal cellulare. Anche se non tutti sono utenti iPhone e anche se una minima parte di questi ultimi avesse usato l'applicazione, sarebbe comunque un bel bottino.

Microtelecamere

Continua a leggere "Privacy: Facebook di nuovo sotto accusa. Conserva la rubrica degli utenti iPhone"

1461 hits


Il Fisco stringe amicizia con Facebook per controllarci

Domenica, 2 gennaio 2011 • Categoria: Attualità

L'Agenzia delle Entrate ha iniziato a usare anche Facebook per le indagini. Lo strumento permette infatti di tenere d'occhio alcuni soggetti sospettati di evasione fiscale. Spiando i movimenti online dei possibili evasori si possono perseguire grandi successi. Un caso è infatti già stato registrato: si trattava di un imprenditore controllato da tempo, poiché dichiarava redditi vicini allo zero, che sul social network raccontava con tanto di foto l'acquisto di una fuoriserie. Quello di Facebook, secondo l'agenzia delle entrate, non può essere considerato ovviamente un punto d'appoggio per le ricerche ma, sicuramente, un valido aiuto. Attenzione dunque a pubblicare informazioni sensibili. Dalle foto delle vacanze, alla situazione sentimentale, ai commenti per un nuovo acquisto: tutto potrebbe tornare utile in caso di controlli fiscali.

Microcamere su Spiare.com

Continua a leggere "Il Fisco stringe amicizia con Facebook per controllarci"

1332 hits


Facebook meglio di Google

Domenica, 2 gennaio 2011 • Categoria: Attualità

Facebook supera Google. Sia nei termini più ricercati nel corso del 2010 sia nella classifica dei siti più visti negli Stati Uniti. La statistica realizzata da Hitwise dimostra come la stringa "facebook", declinata in una serie di varianti, sia ripetuta quattro volte nei principali 10 termini di ricerca di quest'anno (occupando stabilmente i primi due posti). Nel 2009 era presente solo in due accezioni; ma, sopratutto, c'era anche Google, insieme con YouTube e altri famosi siti, mentre negli scorsi dodici mesi il nome del motore di ricerca di Mountain View è sparito dalla top ten. Sarà anche perché ormai "Google" è ampiamente conosciuto che non serve più cercarlo.

La conferma che Il social network vince ancora nella classifica dei dieci siti più visitati negli Stati Uniti.

Microcamere su Spiare.com

Continua a leggere "Facebook meglio di Google"

1480 hits


Come rubare la password di MSN, ecco i metodi principali!

Venerdì, 12 novembre 2010 • Categoria: Sorveglianza informatica

Quante volte, cari amici, avete cercato su Google il metodo per rubare la password di un account MSN? Io, quando ero alle prime armi, moltissime volte. Spesso ho trovato solo articoli di persone che dicevano un sacco di frignacce; ma poi mi sono imbattuto anche in chi ha saputo spiegare bene il problema e ho capito come “muovermi” per arrivare alla soluzione. Innanzitutto, una premessa da fare per capire alla svelta quante fesserie ci sono sul web è che la password di un account MSN si trova solo in due parti, nei server di Microsoft e nella mente del padrone dell’account. Questa è la verità! Quindi, ragionando semplicemente, se è una cosa folle e non da tutti bucare un server di una grossa azienda internazionale solo per prelevare una password MSN, allora meglio virare sull’altra soluzione. Meglio cercare di prendere la password dalla mente del padrone dell’account: più facile e si corrono meno rischi! Ma allora, come fare per rubare una password di MSN?


Adesso spieghiamo le principali tecniche usate per fare ciò, e vi consiglierò anche quella che per me ha maggior successo:


Continua a leggere "Come rubare la password di MSN, ecco i metodi principali!"

3237 hits


Spionaggio informatico su Facebook

Martedì, 2 novembre 2010 • Categoria: Spionaggio

Le autorità Svizzere denunciano che nei primi sei mesi del 2010 sono aumentati, a livello mondiale, i casi di spionaggio informatico.

Attacchi mirati. Nel dossier semestrale pubblicato a novembre, la centrale analisi sicurezza informatica (Melani) dichiara: le grandi multinazionali che lavorano nel settore ICT come Google e Adobe sono state attaccate da hacker professionisti, notizia che lascia presupporre che dietro questi attacchi ci sia la stessa mano. Una dettagliata analisi ne spiega le ragioni.

Per la centrale, dietro la raccolta di informazioni non autorizzate, si celano ragioni puramente finanziarie o interessi criminali ma anche lo spionaggio di Stato, qualcosa come una minaccia per imprese e servizi pubblici.

L’ignoranza. È da chiarire, però, che pressocché la totalità dei cosiddetti attacchi informatici che giungono a buon fine, riescono a causa della scarsa competenza dei gestori web – ivi compresi quelli aziendali o governativi – o alla poca attenzione degli utenti.

Continua a leggere "Spionaggio informatico su Facebook"

1682 hits


Facebook: come proteggersi dalle applicazioni "spia"

Domenica, 31 ottobre 2010 • Categoria: Privacy

La Privacy e Facebook, una storia che non finirà mai. Pensavate che Mark Zuckerberg e soci avessero saldato il loro conto con i profili degli utenti, definitivamente? Vi sbagliavate! Da come scrive il Wall Street Journal il più famoso social network del mondo trasmette a società esterne i dati di tutti gli iscritti,attraverso delle applicazioni, le società che acquiistano i dati sono delle grandi multinazionali,esperte in marketing pubblicitario.Tutte le varie applicazioni di Facebook,compreso Farmville,trasmettono fuori dal sito i dati identificativi di milioni di utenti che hanno il loro profilo aperto, attraverso un numero univoco dal quale si può risalire all'identità dell'utente, con una ricerca in internet, possiamo leggere anche le informazioni confidenziali, quali età,sesso,residenza e professione. Ma c'è molto di più. Alcune di queste applicazioni hanno "spiato" anche tra le informazioni degli anici degli utenti, colpendo anche quegli utenti che avevano settato il loro profilo in modo "chiuso".

Continua a leggere "Facebook: come proteggersi dalle applicazioni "spia""

3327 hits


Facebook: Spionaggio e controspionaggio Genitori e Figli

Martedì, 19 ottobre 2010 • Categoria: Sorveglianza informatica

Fonte: Pianetacellulare - Il dieci per cento dei genitori ha trovato un modo per accedere all'account Facebook dei propri figli e in 8 casi su 10 ha eliminato informazioni delicate inserite dai propri figli.Lo studio condotto da Truste, specializzato in servizi e software per la difesa della privacy, ha interessato 2000 famiglie e analizzato in che modo i figli vengono in un certo senso monitorati a distanza dai genitori per mezzo dei Social Networl.Preoccupazione e desiderio di sicurezza per i propri figli sono le due cause più comuni che spingono i genitori a spiare o addirittura accedere agli account Facebook dei figli, con il timore che soprattutto i più piccoli, possano rivelare informazioni riservate ad estranei.

Continua a leggere "Facebook: Spionaggio e controspionaggio Genitori e Figli"

1175 hits


Gli agenti federali richiedono ‘amicizia’ sui social network

Lunedì, 18 ottobre 2010 • Categoria: Sorveglianza informatica

Fonte: Ildemocratico - Un cane da guardia della privacy ha scoperto un memorandum del governo che incoraggia gli agenti federali a ‘richiedere amicizia’ su svariate reti di social network, sfruttando la loro disponibilità nel condividere informazioni – e per spiarli. In risposta ad una richiesta di libertà di informazione Freedom of information, il governo ha rilasciato una manciata di documenti, tra cui un memorandum del maggio 2008 con dettagli di come i siti di social networking sono sfruttati da parte dell’Ufficio di Fraud Detection e la sicurezza nazionale (FDNS). A partire dallo scorso giovedì, Facebook, Twitter, MySpace, Digg non hanno commentato la relazione, quali dettagli del programma ufficiale del governo di spiare attraverso le reti sociali. Altri siti che il governo sta spiando comprendono Twitter, MySpace, Craigslist e Wikipedia, secondo la Fondazione di Frontiere Eletroniche- Electronic Frontier Foundation (EFF), che ha presentato la richiesta FOIA (legge sulla libertà d’informazione n.d.t.).

Continua a leggere "Gli agenti federali richiedono ‘amicizia’ sui social network"

1358 hits


Privacy a rischio con FarmVille e altri giochi su Facebook

Lunedì, 18 ottobre 2010 • Categoria: Sorveglianza informatica

Fonte: Gamesnation - Nei giorni scorsi si è tornati a parlare di Facebook e dei possibili rischi per la privacy dei suoi utenti. Questa volta, il dito è però puntato verso alcuni dei browser game che vengono ospitati dal social network, accusati di aver ceduto a terzi informazioni personali riguardanti i giocatori. Tra questi, compaiono anche i popolarissimi FarmVille e Texas HoldEm Poker. Più nel dettaglio, come segnalato da GamesIndustry, alcune aziende operanti nel settore del marketing e dell'advertising sarebbero entrate in possesso delle reali identità dei giocatori, con lo scopo di indirizzare verso di loro campagne inserzionistiche mirate.

Continua a leggere "Privacy a rischio con FarmVille e altri giochi su Facebook"

2086 hits


Porsche teme lo spionaggio industriale e vieta Facebook ai suoi dipendenti

Giovedì, 14 ottobre 2010 • Categoria: Spionaggio

FONTE: Il Sole 24 Ore - Niente più Facebook per i dipendenti Porshe. Secondo quanto riporta il magazine tedesco Wirtschaftswoche, la società avrebbe deciso di bloccare l'accesso ai social network in azienda per prevenire eventuali forme di spionaggio industriale. La decisione avrebbe anche come motivazione il timore che i propri dipendenti possano essere spiati dai servizi segreti stranieri attraverso il social network. La decisione di Porshe non è una novità. Sempre più aziende in tutto il mondo stanno limitando l'accesso dei propri dipendenti ai social network dai computer di lavoro. La principale motivazione non è però quella del rischio di spionaggio industriale, ma la sicurezza informatica.

Continua a leggere "Porsche teme lo spionaggio industriale e vieta Facebook ai suoi dipendenti"

1962 hits


Basi segrete non più segrete: i soldati usano Facebook

Giovedì, 9 settembre 2010 • Categoria: Controspionaggio

Per i segreti militari oggi c’è una nuova minaccia e si chiama Facebook. Se ne sono accorti in una delle basi israeliane più segrete, dove i soldati hanno aperto un gruppo sul social network e caricato foto e video delle proprie esperienze. Secondo il Jerusalem Post, il gruppo è visibile a tutti, navigando su internet (il nome della base e la sua locazione sono però stati censurati dal governo israeliano). Per vedere i contenuti e la lista dei 265 membri, un visitatore deve chiededere di registrarsi al gruppo, ed essere approvato dai suoi amministratori. E qui, la prima falla: un giornalista del quotidiano israeliano Yedioth Aharonot è stato accettato tra i membri malgrado non fosse un soldato della base, e ha copiato alcuni messaggi dalla bacheca del gruppo:

Continua a leggere "Basi segrete non più segrete: i soldati usano Facebook"

1586 hits


Facebook e lo stalking in blu

Martedì, 7 settembre 2010 • Categoria: Intercettazioni

La condotta persecutoria e assillante nei confronti di una persona attraverso lo strumento di Facebook costituisce una vera e propria molestia, punibile in base al nuovo reato di stalking introdotto dall'articolo 612 bis del codice penale.Così una recente sentenza della Sesta Sezione Penale della Cassazione, che ha in sostanza confermato la misura degli arresti domiciliari nei confronti di un ragazzo della provincia di Potenza.Il giovane era stato denunciato presso il Tribunale di Lagonegro dalla sua ex-fidanzata, con l'accusa di aver intrapreso una condotta molesta dopo la fine della loro relazione.
Per l'accusa, c'erano stati "continui episodi di molestie, consistiti in telefonate, invii di SMS, messaggi di posta elettronica e tramite Facebook, anche nell'ufficio dove lei lavorava".

Continua a leggere "Facebook e lo stalking in blu"

1348 hits